Sempre più spesso momenti di apprensione, stress e ansie possono scatenare manifestazioni sulla pelle con sintomi tipici della dermatite. Questo accade perché la pelle somatizza il disagio psicologico i cui effetti producono eruzioni cutanee e infiammazioni temporanee su volto, collo, braccia, mani e piedi, che scompaiono spontaneamente dopo un breve periodo. Agire contemporaneamente su mente e corpo è la chiave risolvere il problema.

Come si manifesta la dermatite da stress

La dermatite da stress è un'infiammazione improvvisa della cute che si presenta senza particolari fattori scatenanti, con sintomi simili all’eczema allergico o alla semplice dermatite da contatto:

  • ponfi, macchie e vescicole dal prurito intenso;
  • arrossamenti e sensazione di calore e bruciore localizzato;
  • secchezza cutanea e desquamazione eccessiva;
  • abrasioni e crostificazione dovute all’azione di grattamento.

Le reazioni cutanee interessano principalmente il volto, il collo, il cuoio capelluto, le braccia, mani, piedi e perfino le palpebre, e colpisce indistintamente sia le donne che gli uomini sopraffatti da forte stress e affaticamento psicologico.  

La durata e l’intensità dell’infiammazione epidermica può essere più o meno variabile: può comparire improvvisamente e allo stesso modo scomparire dopo poco tempo, oppure essere talmente fastidiosa da compromettere il riposo notturno.

Quali sono le cause della dermatite da stress

I meccanismi che innescano la dermatite da stress non sono ancora del tutto chiari ma, generalmente, le cause vanno ricercate proprio nello stile di vita troppo stressante. A differenza della dermatite da contatto - in cui a causare l’estrema sensibilità della cute sono certi allergeni, sostanze urticanti, farmaci o cosmetici - a provocare la reazione è solamente l’eccessivo accumulo di tensione, stress e preoccupazioni.

Le responsabilità quotidiane, gli impegni legati al lavoro, l’organizzazione di famiglia, scuola, relazioni interpersonali, ma anche alcuni eventi traumatici e i grandi cambiamenti, sono tutti potenziali fattori di stress ai quali siamo costantemente esposti senza nemmeno accorgercene. A lungo andare, questo finisce per compromettere l’equilibrio psicofisico con conseguenze anche sui complessi meccanismi che regolano ormoni e mediatori delle infiammazioni.

La pelle rappresenta, così, la valvola di sfogo di periodi particolarmente stressanti, aggravati talvolta dall’uso di cosmetici sbagliati, dall’esposizione al freddo o all’umidità e il continuo lavarsi e sfregarsi.

Come curare la dermatite da stress

Generalmente la dermatite da stress tende a scomparire in modo spontaneo dopo un breve periodo, senza l’aiuto di terapie specifiche. Tuttavia, per una corretta diagnosi, è necessario il parere di un dermatologo capace di riconoscere le reazioni imputabili a situazioni di sovraffaticamento psicofisico e prescrivere alcuni esami specifici per escludere l'interferenza di altri fattori quali esposizione ad agenti esterni, cause endogene e alterazioni immunologiche.

Lo specialista, poi, per curare la dermatite da stress consiglierà come trattamento:

  • eliminare quanto più possibile le fonti di stress;
  • rallentare i ritmi riducendo le preoccupazioni e gli impegni;
  • dedicarsi ad uno sport o fare movimento fisico regolare, per scaricare lo stress;
  • svolgere attività come yoga e meditazione per favorire il rilassamento;
  • seguire un’alimentazione equilibrata con il giusto apporto nutritivo di sostanze antistress come potassio, ferro, magnesio e calcio;
  • ridurre il consumo di sostanze eccitanti come alcool e caffè;
  • mantenere uno stile di vita sano smettendo di fumare;
  • trascorrete più tempo all’aria aperta a contatto con la natura.

Per calmare i fastidiosi sintomi della dermatite, invece, sarà sufficiente applicare all’occorrenza una crema lenitiva a base di farmaci che contribuiscono ad alleviare momentaneamente il dolore, l’infiammazione e il prurito. Sarà suggerito, inoltre, di ridurre i lavaggi e detergersi con prodotti delicati e non schiumogeni per diminuire i fastidi, oltre che massimizzare l’esposizione ai raggi solari per lenire il prurito.