13/02/2015

Gli italiani fanno poco sesso, ma per gli anziani la passione resta

Gli anziani non dicono addio al sesso. Uno studio dell’Università di Manchester ha mostrato che il 54% degli uomini e il 31% delle donne over 70 sono sessualmente attivi e un terzo di essi ammette di avere rapporti sessuali almeno due volte al mese. Dallo studio, che ha coinvolto settemila anziani. Si evince anche che l’amore non ha età e se si ha la fortuna di incontrare la persona giusta con cui invecchiare le coccole e la tenerezza non passano mai: il 31% dei maschi e il 20% delle donne racconta, infatti, di baciarsi e farsi le coccole frequentemente.

Abitudini che non sembrano essere così frequenti tra i più giovani. Un’indagine condotta dal centro medico Santagostino di Milano ha scoperto che solo il 10% delle persone con una relazione stabile fa sesso più di 3 volte alla settimana e il 57% ammette di avere rapporti meno di 4 volte al mese. Un’insoddisfazione che viene colmata mettendo in moto la fantasia: il 40% degli intervistati (e il 70% degli uomini) ammette di avere fantasie sessuali. L’ideale sarebbe metterle in pratica insieme al proprio partner, spiega Beatrice Armocida, psicologa clinica e sessuologa: comunicare le fantasie all'interno della coppia facilita la comunicazione e il rapporto.

Eliminare il sesso dalla propria vita personale e di coppia oppure relegarlo in ultima posizione non è utile. Il sesso può offrire interessanti benefici alla salute, li ha elencati la rivista Times alla vigilia della festa di San Valentino. Vediamone alcuni.

  • Il sesso è come una droga: favorisce il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore coinvolto nella dipendenza che attiva nel cervello i centri della ricompensa, proprio come una droga, la caffeina o il cioccolato.

  • Il sesso è un antidepressivo: uno studio ha mostrato che le donne che facevano sesso senza preservativo regolarmente erano meno esposte al rischio di depressione. I ricercatori suggeriscono che possano giocare un ruolo significativo Estrogeni e Prostaglandine contenuti nel liquido seminale. Naturalmente avere rapporti sessuali non protetti è consigliabile solo all'interno di una coppia stabile

  • Il sesso è un antidolorifico: dire di avere mal di testa non è più una scusa valida per tirarsi indietro di fronte alle avance del partner. Uno studio tedesco ha scoperto che il sesso fa diminuire il dolore, inoltre stimolare il punto G farebbe salire la soglia del Dolore.

  • Il sesso migliora la memoria: alcuni studi condotti sui topi hanno mostrato che il sesso favorisce la crescita di più neuroni nell'ippocampo, l’area del cervello associata alla memoria. D’altro canto il sesso può anche provocare un blocco temporaneo della memoria e rendere impossibile l’immagazzinamento di nuovi dati.

  • Il sesso è un calmante naturale: i topi che facevano sesso regolarmente erano meno stressati degli altri. Questo perché dopo un rapporto sessuale si verifica una riduzione della pressione.

 

TAG: Psicologia | Anziani | Salute mentale | Organi Sessuali | Sessualità