19/07/2017

Sì alla contraccezione anche in vacanza

si alla contraccezione anche in vacanza
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche

In partenza per le vacanze? Oltre a costumi da bagno, scarpe e (fondamentale) anche il kit di pronto soccorso, non dimenticate di mettere in valigia anche le opportune protezioni, come la pillola anticoncezionale e il preservativo, per vivere la sessualità in tutta sicurezza. L’estate, infatti, può segnare l’inizio di una passione inaspettata ma l’importante è non farsi trovare impreparati. Un po’ come succede per l’abbronzatura: solo proteggendo la pelle con specifiche creme solari è possibile godere dei benefici di una sana tintarella.

Leggi anche:
Il preservativo è il metodo contraccettivo più usato; è fondamentale indossarlo prima di ogni rapporto per evitare possibili malattie.

Sesso occasionale: perché proteggersi?

A ricordarlo è la SIC-Società Italiana della Contraccezione che, puntualmente ogni anno, sottolinea l’importanza di comportamenti sessualmente responsabili per mantenersi in salute. “Una corretta contraccezione è garanzia per la prevenzione di gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili, come papilloma virus, epatite C, clamidia, sifilide, HIV ecc.; patologie in costante e preoccupante aumento, nei confronti delle quali è bene non abbassare mai la guardia, soprattutto in caso di rapporti con partner occasionali” – ricorda il professor Annibale Volpe, past president della Sic.

Sesso e contraccezione in estate: i consigli degli esperti

La parola chiave da imparare e ricordare è double-dutch: preservativo e pillola contraccettiva per essere sicuri e protetti dalle malattie a trasmissione sessuale e da gravidanze indesiderate. Per quanto riguarda il profilattico, è opportuno conservalo al meglio per metterne a rischio l’efficacia per cui il consiglio è quello di non riporlo nel cruscotto dell’auto e nel portafoglio, se non per un breve periodo di tempo. “Il preservativo – puntualizza il professor Volpe – è ad oggi l’unico dispositivo in grado di contrastare efficacemente le malattie, quindi chiedere al partner conosciuto da poco di utilizzarlo non è “sconveniente”: è anzi un gesto di responsabilità e di rispetto reciproco”. Per utilizzarlo non vi è bisogno di alcuna prescrizione medica, si trova anche nei supermercati e distributori automatici per un acquisto a tutte le ore ed è indicato per tutti a tutte le età.  

Durante le vacanze, inoltre, non bisogna sospendere l’assunzione dell’anticoncezionale orale. È ancora diffusa, infatti, la convinzione che la pillola sia causa di eritemi, eczemi o macchie della pelle. In realtà invece non è la contraccezione ormonale a causare episodi di fotosensibilizzazione, ma un’esposizione sconsiderata ai raggi solari. “La pillola anticoncezionale non ostacola l’abbronzatura” specifica il prof. Volpe. “Se è vero che gli estrogeni contenuti in alcuni tipi di contraccettivi ormonali hanno gli stessi effetti di quelli prodotti in gravi­danza, quando la pigmentazione cutanea può presentarsi “irregolare”, è altrettanto vero che i livelli contenuti nelle formulazioni di nuova generazione sono così bassi che è molto raro che abbiano degli effetti sulla pelle”.

Infine, la paura di gonfiore e accumulo di liquidi che possono incidere sulla forma fisica non devono compromettere l’assunzione della pillola. Esistono molti tipi di contraccettivi orali, anche naturali, che consentono di evitare ritenzione idrica e aumento di peso così da sentirsi libere di sfoggiare il bikini preferito in tutta serenità.

Per approfondire guarda anche: “I vantaggi della contraccezione ormonale più apprezzati dalle donne”

Leggi anche:
In estate il rischio di contrarre una malattia sessualmente trasmissibile è molto alto. Una cura precoce, però, può evitare complicazioni anche gravi./div>
TAG: Estate | Ginecologia e ostetricia | Infezioni | Salute femminile | Sessualità | Organi Sessuali
Redazione Paginemediche
Scritto da:
Redazione Paginemediche