Acerola: proprietà e benefici contro l'influenza

acerola proprieta e benefici contro l influenza
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor

L'acerola protegge le vie respiratorie, (bronchi e i polmoni), prevenendo mal di gola, catarro e tosse. Compensa le carenze vitaminiche e determina un effetto antiossidante, rivitalizzando cute e mucose, combatte la stanchezza mentale e fisica tipica del cambio di stagione. Tutti pregi racchiusi in quest'unica parola. Conosciuta anche con l’appellativo – più che suggestivo – di “ciliegia delle Barbados”, l’acerola è una bacca che cresce nell’America centrale e meridionale e viene coltivata soprattutto in Brasile (da qui anche l’appellativo di “ciliegia dell’Amazzonia”).

Nei Paesi di origine, l’acerola viene consumata fresca o sotto forma di marmellata. In Europa non è di così facile reperibilità: tuttavia è possibile trovare alcuni prodotti a base di acerola nelle erboristerie oppure nelle farmacie. Ma c’è molto di più da conoscere – non solo in termini nozionistici – su questo frutto rosso, da molti paragonato ad una sorta di scrigno ricco di elementi preziosi per il benessere e la salute.

Acerola, la regina di vitamina C

Al suo interno, l’acerola custodisce spicchi dal sapore leggermente acidulo contenenti una quantità di vitamina C molto superiore rispetto alle arance. Da qui il ruolo chiave di questa bacca nel contrastare i mali di stagione: in particolare, l’acerola stimola il sistema immunitario potenziando l’azione degli anticorpi. In questo modo è in grado di prevenire raffreddori, influenze e infezioni. Nel momento in cui questi malesseri sono già sopraggiunti, l’acerola è di grande supporto nell’aiutare a guarire più velocemente evitando, altresì, possibili ricadute.

Acerola e vitamina C: un binomio perfetto per gli occhi. Molti studi, infatti, hanno dimostrato che il livello di vitamina C presente negli occhi tende ad abbassarsi con l’avanzare dell’età; dunque un apporto di vitamina C previene tale riduzione con un conseguente rischio inferiore di sviluppare la cataratta. Sono riconosciute, a questo frutto rosso, anche proprietà diuretiche. E ancora, questa bacca contribuisce sia alla salute sia al benessere della pelle, sempre per merito della vitamina C.

Oltre all’elevato quantitativo di vitamina C, l’acerola contiene provitamina A, una buona quantità di vitamine B1, B2, B3, B5, B6 e vari sali minerali (tra cui calcio, ferro, fosforo, magnesio, potassio). Al contempo, questa bacca – non sempre così conosciuta – è particolarmente utile per contrastare il sanguinamento delle gengive, senza tralasciare la sua funzione di “riequilibrio” nei confronti di vasi capillari ed ematomi.

Acerola, un aiuto per la circolazione sanguigna

L’elevata concentrazione di sostanze antiossidanti fanno sì che l’acerola rappresenti un vero e proprio toccasana per la circolazione del sangue. Questo frutto rosso così bello a vedersi riesce a proteggere il colesterolo buono dai quelli che sono i processi ossidativi, contribuendo alla salute cardiovascolare.

Nel dettaglio, secondo alcuni studi il succo del frutto – se assunto in modo regolare – è in grado di far diminuire il tasso di glucosio e trigliceridi all’interno del sangue, facendo in modo che ad alzarsi siano i livelli del colesterolo buono. Un vantaggio per la salute.

Acerola, quali sono le controindicazioni

Numerose ricerche tossicologiche, a livello internazionale, sottolineano che l’acerola non provoca effetti collaterali. È una bacca innocua. Detto ciò, può risultarne sconsigliata l’assunzione in caso di acidità gastrica. E, si badi bene, anche le dosi eccessive non sono suggerite. Come di consueto la moderazione è la chiave di tutto. Benessere compreso.

Per approfondire guarda anche: “Vitamine e minerali”

Leggi anche:
Il mirtillo rosso è un frutto ricco di antiossidanti e, grazie alle sue proprietà benefiche, svolge un ruolo importante nella protezione della vista.
01/02/2018
20/12/2017
TAG: Adolescenti | Adulti | Alimentazione naturale | Anziani | Apparato circolatorio | Benessere psicofisico | Giovani | Inverno | Malattie della circolazione | Nutrizione | Occhi | Pelle | Prevenzione | Scienza dell'alimentazione | Vista
Massimo Canorro
Scritto da:
Massimo Canorro
Giornalista & web content editor