Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

Pasqua e alimentazione, le regole per i più piccoli

pasqua e alimentazione le regole per i piu piccoli
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Pasqua con chi vuoi, ma soprattutto con i più piccoli. Per i bambini la Pasqua è sempre una festa molto attesa perché coincide con le vacanze e con l’apertura delle uova di cioccolato a caccia di sorprese. Il pranzo della domenica è un’occasione golosa per riunire tutta la famiglia, occhio però a cosa mangiamo.

«Lasciamo al palato i suoi piaceri, ma con criterio e in sicurezza» spiega Susanna Esposito, ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia e presidente dell’Associazione mondiale per le Malattie infettive e i Disordini immunologici, WAidid. «In questo periodo raccomandiamo sempre ai genitori di fare molta attenzione all’alimentazione. Nei cibi, infatti, possono nascondersi agenti patogeni (batteri, virus, parassiti) o tossine di origine microbica che a contatto con l’organismo umano possono risultare dannosi per la salute, dei bambini soprattutto, provocando infezioni alimentari».

Pasqua e alimentazione, dove sono vitamine e minerali?

Per garantire ai nostri bambini un’alimentazione sempre sana e varia, oltre a dolci e leccornie, proponiamo loro anche alimenti che forniscano un completo apporto di energia. Innanzitutto vitamine e minerali, evitando così eccessi inutili di zuccheri e calorie.

Preferiamo pesce, uova, latte e spinaci che sono ricchi di vitamina A. Negli agrumi, nei pomodori, nei broccoli e cavolfiori, nelle insalate e nei frutti di bosco troviamo la vitamina C. Le vitamine del gruppo B sono invece nei cereali, nel pesce e nelle carni, nelle banane e nella frutta secca, nel lievito di birra.

Nell’alimentazione di un bambino non dovrebbe poi mancare la vitamina D, presente nel latte, nel tuorlo d’uovo ma anche nei funghi e nel fegato. Di vitamina E sono ricchi l’olio d’oliva, il germe di grano, ancora uova e fegato, ma anche frutta secca, asparagi e avocado. Latte e yogurt, formaggio, piselli, salmone e mandorle sono importanti per un buon apporto di calcio. Mentre il ferro lo troviamo nella carne rossa, nei pesci e nei molluschi, nella soia e in molta verdura a foglie. Magnesio nella frutta secca, nello yogurt e nelle spezie. E potassio in verdura e frutta fresche, cereali, pesce, pollame. Zinco nella carne, nel latte e nei formaggi. Rame in funghi, cacao, lievito, legumi, germogli.

Pasqua, le regole per salvaguardare al meglio la salute

Con un occhio sempre di riguardo all’alimentazione dei piccoli va tenuto conto anche di un altro aspetto importante. Le vacanze pasquali coincidono spesso anche con il cambio di stagione. È così in questo 2018 in cui il calore primaverile e il bel tempo si sono fatti attendere.

Con il cambio d’ora le giornate si allungano e in questo periodo si può assistere ad elevate escursioni termiche tra il giorno e la sera con inevitabili raffreddori e malanni che colpiscono i bambini, soprattutto i più piccoli.

«È importante prevenire eventuali raffreddori o episodi febbrili nei bambini – aggiunge Susanna Esposito - avendo cura del loro abbigliamento ed evitando di scoprirli troppo al primo raggio di sole». L’associazione WAidid ha allora stilato delle regole da seguire per salvaguardare la salute in famiglia.

  1. Non esagerare con le uova di cioccolato: meglio sceglierle di buona qualità e, utilizzare l’eccesso per preparazioni culinarie nelle settimane successive alla Pasqua. Ricordarsi che il cioccolato può dare allergia.
  2. Limitare il consumo di salame e insaccati vari che, insieme al miele artigianale e alle conserve di frutta e verdura fatte in casa, possono essere all’origine di intossicazioni importanti come il botulismo.
  3. Fare attenzione alle uova crude e alle verdure non lavate: c’è il rischio di salmonellosi.
  4. ai gelati artigianali, ma meglio consumarli in posti conosciuti: i derivati di uova crude responsabili delle intossicazioni da Staphylococcus aureus.
  5. Durante i pic-nic avere sempre cura dell’igiene delle mani prima di mangiare e fare attenzione ai cibi cotti molte ore prima.
  6. Occhio a pesce e molluschi crudi: possono contenere un parassita, l’Anisakis, nocivo per l’essere umano.
  7. Esporsi al sole in sicurezza: utilizzare sempre creme solari ad alta protezione proteggendo i bambini con cappellini e occhiali da sole.
  8. Non scoprire totalmente i bambini al primo sole, meglio vestirli a strati: i forti sbalzi termici di questa stagione e una termoregolamentazione meno efficiente nel bambino comportano maggiori rischi di malattie da raffreddamento.
  9. Portare con sé un kit di primo soccorso in caso di viaggi o di escursioni, includendo anche prodotti repellenti contro le punture di zecche.

Per approfondire guarda anche: “I test per l'allergia alle uova”

Leggi anche:
Il cioccolato ha numerose proprietà e benefici per la salute: aiuta a combattere l'insonnia e le malattie cardiovascolari.
18/06/2018
29/03/2018
TAG: Allergie | Bambini | Batteri | Genitori | Malattie da raffreddamento | Medicina generale | Microbiologia e virologia | Nutrizione | Pediatria | Prevenzione | Primavera | Scienza dell'alimentazione | Virus
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor