Rapanelli o ravanelli, alleati di fegato e intestino

rapanelli o ravanelli alleati di fegato e intestino
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Fresco, colorato, croccante e ricco di acqua, il rapanello o ravanello è perfetto per le insalate estive ed è l’ortaggio alleato di fegato e intestino. Rossa, bianca, rosa o viola a seconda delle varietà, questa radice drena e depura e può essere utile nella regolazione dei livelli ematici del colesterolo.

Il ravanello, Raphanus Sativus, è originario dell’Asia e appartiene alla famiglia delle Brassicaceae. Quello comune, rosso e rotondo, si raccoglie in primavera ed estate e cresce in tutti i paesi del bacino mediterraneo.

Rapanelli, alleati di fegato e intestino

Essendo costituiti per il 90% da acqua, i ravanelli (o rapanelli) favoriscono la diuresi e aiutano l’organismo a depurarsi. Ricchi di potassio, vitamine C e B, fibre e antiossidanti (luteina e zeaxantina), sono in grado di abbassare la pressione sanguigna contrastando il ristagno dei liquidi.

Sono considerati dei buoni anticellulite naturali. La presenza di vitamina C stimola le difese immunitarie, mentre le fibre aiutano il transito intestinale soprattutto in chi soffre di stipsi. Ma attenzione alle quantità: se assunti in eccesso, i rapanelli possono irritare le pareti gastriche e intestinali e causare flatulenza. Il loro consumo è controindicato in caso di gastrite, reflusso gastroesofageo, colite o colon irritabile e calcoli renali.

I nutrienti presenti nei ravanelli favoriscono anche la corretta crescita della flora batterica intestinale e riducono i livelli di glucosio e di colesterolo nel sangue. Luteina e zeaxantina da parte loro svolgono un’azione antiossidante proteggendo gli occhi dalle radiazioni luminose. I rapanelli hanno proprietà disintossicanti per tutto l’organismo. Grazie alle fibre, alla grande quantità di acqua e alla presenza di zolfo, queste radici aiutano a eliminare scorie e sostanze dannose per il corpo depurando soprattutto il fegato e i reni.

Ravanelli per il fegato e l’intestino: come consumarli

I ravanelli possono colorare le insalate se aggiunti a rondelle, oppure si possono mangiare in pinzimonio durante l’antipasto. Possono essere aggiunti ai succhi di frutta e ai centrifugati. Il loro sapore, un po’ piccantino, si abbina bene con quello delle più dolci carote, pere e mele, ma anche con il limone, lo zenzero, le verdure in foglia.

Una varietà che sta avendo particolare fortuna in Occidente è il “daikon”, un ravanello lungo e bianco originario del Giappone. Il daikon è particolarmente consigliato alle persone che soffrono di ritenzione idrica e cellulite.

Il succo di daikon spremuto si può aggiungere all’acqua minerale o al succo di mela ed essere assunto gradualmente. Il daikon fresco è buono anche in insalata oppure si può grattugiare e mescolare allo yogurt naturale con un pizzico di senape, diventando un condimento perfetto per carne e pesce al forno perché aiuta il fegato a metabolizzarne meglio i grassi.

Per approfondire guarda anche: “Dieta e nutrizione: fibre”

Leggi anche:
Per combattere la ritenzione idrica, la natura offre una grande varietà di rimedi drenanti e che stimolano la diuresi. Vediamone alcuni.
27/07/2018
27/07/2018
TAG: Adulti | Anziani | Apparato circolatorio | Disturbi dell'apparato uro-genitale | Disturbi gastrointestinali | Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Giovani | Intestino | Malattie della circolazione | Nutrizione | Occhi | Prevenzione | Reni e vie urinarie | Scienza dell'alimentazione
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor